Oristano

Nella trasmissione condotta da Geppy Cucciari sono intervenute la farmacista Alessandra Porcu e la psicologa Susanna Valleri

Oristano contro la violenza sulle donne protagonista su Rai 3, con la farmacista Alessandra Porcu e la psicologa Susanna Valleri.

Ieri, in prima serata, le due professioniste sono apparse sugli schermi della trasmissione “Che succede?” condotta da Geppy Cucciari, per raccontare ciascuna la propria testimonianza e il proprio impegno contro la violenza sulle donne.

Che succede - Rai 3 - Farmacista Oristano

Alessandra Porcu

Alessandra Porcu è la farmacista che ha aiutato una giovane abusata a salvarsi dal suo aguzzino, quando si è presentata al bancone e ha chiesto una “mascherina 1522”, il numero antiviolenza e antistalking attivato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità.

Susanna Valleri, invece, lavora nel carcere di Oristano a un progetto che mira a far capire agli uomini condannati per reati di violenza sulle donne “l’agito commesso e il meccanismo che c’è dietro”.

Che succede - Rai 3 - Educatrice carcere Oristano

Susanna Valleri

Giovedì, 25 novembre 2021

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.