Test sui binari della zona industriale di Oristano: treni fino al porto?
Lo scorso anno nell’agglomerato il cantiere a supporto dei lavori sulla rete ferrata sarda

Le sestine che hanno viaggiato lungo la rete ferroviaria della zona industriale – Foto Cipor

Nuovi test e operazioni di manutenzione nei giorni scorsi nella tratta ferroviaria che collega la stazione di Oristano con la zona industriale. Non è passata inosservata la presenza di vigilanti a presidio dei passaggi a livello.

Non si esclude che i convogli possano finalmente calcare i binari finora inutilizzati della parte di rete ferroviaria che arriva fino alla banchina del porto.

Il raccordo ferroviario dal 2018 e fino a qualche mese fa è stato utilizzato per il trasporto delle rotaie per la ferrovia di Chilivani. I mezzi, chiamati in gergo “sestine” perché composte da sei carri uniti, partivano dall’agglomerato Nord del Consorzio Industriale verso la stazione ferroviaria di Oristano e da lì proseguivano per la zona settentrionale dell’Isola.

Hanno trasportato diverse migliaia di rotaie della lunghezza di 36 metri ciascuna che sbarcavano nel porto oristanese e venivano saldate a gruppi di tre per formare pezzi lunghi 108 metri nel cantiere allestito nel parco ferroviario realizzato dal Consorzio Industriale di Oristano e messo a disposizione dell’impresa appaltatrice: la Salcef.

Mercoledì, 31 marzo 2021

L'articolo Test sui binari della zona industriale di Oristano: treni fino al porto? sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.