E’ atteso per oggi il terzo decreto in due settimane, dopo quelli del 23 e 30 dicembre, per fronteggiare l’inesorabile avanzata del Covid, che ieri in Italia ha fatto registrare la cifra record di contagi di 170.844 e il più alto numero di morti dallo scorso aprile, ben 259, mentre sale vertiginosamente l’occupazione di posti letto in ospedale e nelle terapie intensive in tutte le regioni. Tante le ipotesi sul tavolo, dall’obbligo del super green pass per i lavoratori, che al momento sembra poco probabile per lo sbarramento di alcune forze politiche, all’obbligo vaccinale per i fragili e gli over 60. Tutto e il contrario di tutto, con i partiti che non hanno una linea univoca, la riapertura delle scuole da più parti messa sotto accusa e le regole su dad e quarantene ancora poco chiare, e gli esperti che prevedono il picco a fine gennaio.

Gli approfondimenti sono ancora in corso e le resistenze non mancano, a partire dai Cinquestelle ma anche dalla Lega, sull’estensione dell’obbligo del green pass rafforzato nel mondo del Pa e non solo. Il Consiglio dei ministri sarà preceduto da una cabina di regia. Resta il fatto che la quadra non è stata ancora trovata, ma l’idea è di insistere più che altro sull’obbligo vaccinale per alcune categorie, visto che l’obiettivo del Governo è estendere quanto più possibile la platea dei vaccinati. “Nel nostro Paese esiste già l’obbligo vaccinale per alcune categorie e contestualmente sono stati introdotti il green pass e poi il super green pass. Credo sia ragionevole ragionare sull’estensione del green pass rafforzato per i luoghi di lavoro e non mi sento di escludere totalmente l’obbligo di vaccinazione, magari per alcune categorie, dando come parametri ad esempio l’età e la fragilità”, spiega il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa.

Intanto, resta caldo il tema dello smart working nella pubblica amministrazione, con il ministro Brunetta che frena sull’estensione, sottolineando che la flessibilità è già garantita, e Pd e 5 Stelle che contestano la sua posizione non abbastanza elastica in materia.

“Le abbiamo provate tutte – ha scritto su Facebook il governatore ligure Giovanni Toti – ma a questo punto non resta che l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori e i soggetti più fragili che ancora non hanno fatto il vaccino per scelta (cosa che non vale ovviamente per chi ha validi motivi medici che glielo impediscono). Con i miei colleghi presidenti di Regione abbiamo avanzato al Governo la richiesta di intervenire al più presto per fronteggiare il picco dei contagi previsto per la fine di gennaio”.

Sono 1,2 milioni gli italiani non vaccinati in questa fascia d’età, e sono quelli che più affollano ospedali e terapie intensive. I dati parlano chiaro: in terapia intensiva finiscono 526 non vaccinati over 60 su un milione contro i 33 vaccinati della stessa fascia d’età su un milione.

Sulla scuola ancora grande caos per le regole su quarantene e dad, mentre si avvicina la data della riapertura che il governo non ha mai messo in discussione.

L'articolo Terzo decreto in due settimane contro la cavalcata del Covid: si allontana il super green pass per tutti i lavoratori proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.