Nella notte il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm che introduce misure più restrittive per far fronte alla seconda ondata del Coronavirus in Italia (qui il bollettino del 3 novembre).  Le nuove misure viaggiano su due binari: quelle valide su tutto il territorio nazionale (cosiddetta “zona verde” o meglio “gialla“, secondo le ultime indiscrezioni), misure ulteriormente restrittive a livello territoriale a seconda che le singole regioni siano inserite o nella cosiddetta “zona rossa” o in quella “arancione”. Le nuove misure resteranno in vigore da venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre. Forse già questa sera (vedi più sotto) potrebbero essere firmate le prime ordinanze del ministro della Salute sull’inserimento di alcune regioni nella zona rossa (ad alto rischio Lombardia e Piemonte). Anche se, va ribadito, le restrizioni dovrebbero essere in vigore solo da venerdì. Salvi in ogni zona parrucchieri e barbieri (chiusi invece i centri estetici).

Tutta la notizia su https://www.quotidiano.net/cronaca/dpcm-regioni-rosse-verdi-1.5680905.

L'articolo Tensione tra Governo e Regioni, il coprifuoco slitta di un giorno proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.