Secondo le indagini dei carabinieri sarebbero loro ad averli utilizzati, ma alcuni ora sono irreperibili

SENORBI'. I carabinieri della stazione di Senorbì, dopo certosine indagini, sono riusciti ad identificare gli utilizzatori, tra il mese di febbraio e quello di dicembre del 2019, dei sei telefonini cellulari, appartenenti ad altrettanti giocatori della squadra giovanile della “Polisportiva del paese della Trexenta” lasciati incustoditi durante una seduta di allenamento e quindi rubati dall’interno degli spogliatoi del campo sportivo comunale. Si tratterebbe di otto extra comunitari: un algerino residente a Elmas, un pakistano irreperibile, un cittadino del Burkina Faso domiciliato a Cagliari, un maliano residente a Cagliari, un bengalese residente a Siracusa ma irreperibile, altri due suoi connazionali, uno residente a Cagliari ma senza fissa dimora e l'altro residente a Roma ma irreperibile, e infine un sudanese residente a Milano, ma non rintracciabile.

Per l’identificazione, avvenuta attraverso l’associazione tra il codice identificativo di ogni cellulare sottratto (imei) con le schede sim e i nomi dei relativi intestatari, è stata molto utile la collaborazione di diverse società telefoniche. Due dei 6 telefonini rubati sono stati rinvenuti e recuperati a Cagliari dai carabinieri della stazione di Stampace. Gli 8 extracomunitari saranno processati per ricettazione.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.