Tartaruga morta a Funtana Meiga, impossibile capire la causa
Era finita sugli scogli nella giornata di Ferragosto, tra la curiosità dei bagnanti

La Caretta caretta trovata morta sulle rocce di Funtana Meiga

Non è stato possibile stabilire le cause del decesso della tartaruga Caretta caretta trovata morta sugli scogli accanto alla spiaggia di Funtana Meiga. “Troppo avanzato lo stato di decomposizione”, ha spiegato Massimo Marras, direttore dell’Area Marina Protetta Sinis – Penisola di Mal di Ventre.

La carcassa della tartaruga, un maschio adulto, è stata rimossa ieri. Sicuramente non si tratta di uno dei due esemplari liberati nei primi giorni di agosto, ha spiegato Marras: il primo era una femmina e il secondo apparteneva a un’altra specie.

Avvistata al largo qualche ora prima del suo arrivo su un costone roccioso della spiaggia di Funtana Meiga, nella zona verso San Giovanni di Sinis, la tartaruga marina nella giornata di Ferragosto è diventata l’attrazione principale dei bagnanti. In tanti, grazie al passaparola che si è diffuso tra gli ombrelloni, sono accorsi per vedere l’animale morto.

La tartaruga morta portata dal mare sulle rocce

Lunedì, 17 luglio 2020

L'articolo Tartaruga morta a Funtana Meiga, impossibile capire la causa sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.