Una bolletta giudicata ancora “troppo alta”, anche se scesa da 480 a 411 euro nell’ultimo anno, soprattutto per il servizio di ritiro rifiuti, bollato come “scadente” da Silvia Orefice, Oss trentaquattrenne di Pirri. Vive in via Balilla, la donna, col marito e la madre, “in una casa di 170 metri quadri”. E, spesso e non volentieri, sono costretti a fare i salti mortali per liberarsi dalla spazzatura: “Ogni settimana capita che gli operatori si dimentichino di svuotare i mastelli: tre giorni fa l’umido, la settimana scorsa la carta, ma solo quella del mio civico. Per non parlare di quando devo ripulire il marciapiede dai miei stessi rifiuti perché l’operatore lancia il mastello, particolarità che si evince dalle varie rotture di coperchio e dei manici, e gli cade tutto sopra le auto in sosta”. L’ultima dimenticanza è avvenuta tre giorni fa: “Ho la fortuna di avere un terrazzo all’aperto, quindi sono costretta a lasciare lì la spazzatura non ritirata, sperando che la volta successiva la portino via”. Puzza e disagi, ovviamente, sono inclusi.La Orefice racconta di aver contattato il numero verde della De Vizia: “Ho segnalato il problema, dopo qualche ora mi hanno svuotato il mastello. Ora, se il servizio fosse gratuito non mi lamenterei. Ma pagando circa 500 euro di Tari all’anno, non ci sto: capisco la carenza di personale, ma non si possono pagare così tanti soldi e accettare un servizio così scadente. E non penso di essere l’unica a vivere questi disagi”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.