Uras

Cittadini e amministratori protestano davanti all’ambulatorio di via Eleonora

Grande mobilitazione stamane a Uras per la mancanza di medici di base e della guardia medica nel paese. I cittadini stanno manifestando davanti all’ambulatorio del paese, insieme alla sindaca Anna Maria Dore e agli amministratori degli altri centri del Terralbese.

All’appello hanno risposto presente anche alcuni consiglieri regionali e deputati oristanesi, il Comitato per la difesa del diritto alla salute della provincia di Oristano, la Cgil provinciale, i volontari della Dea Soccorso, l’Auser e la Protezione Civile Monte Arci. Erano presenti anche le telecamere della Rai, sia del telegiornale regionale, che di Tv7, settimanale di approfondimento a cura della redazione Speciali del TG1.

La carenza di medici di base non riguarda solo Uras. Nel Terralbese mancano già 7 medici di base e, con i previsti pensionamenti, nei prossimi mesi saranno circa 10mila i residenti destinati a rimanere senza assistenza sanitaria, secondo quanto segnalato nei giorni scorsi da Alessandro Usai, segretario provinciale della Federazione dei medici di medicina generale.

“Quella di oggi è stata una manifestazione fortemente partecipata”, ha dichiarato la sindaca di Uras, Anna Maria Dore, “abbiamo fatto un primo passo e siamo pronti a continuare finché non vedremo di nuovo l’ambulatorio aperto con i medici di base. Abbiamo lanciato un appello affinché si trovino medici disponibili a venire a Uras. Contiamo di avere risposte concrete in tempi brevi. Siamo in contatto con la direzione del distretto sanitario di Ales-Terralba e poco fa ho sentito anche il direttore generale dell’Asl di Oristano Angelo Serusi. Mi ha assicurato che stanno lavorando per trovare una soluzione d’emergenza immediata”.

“I problemi che sta vivendo Uras oggi”, ha commentato il sindaco di Marrubiu, Luca Corrias, “riguarderanno domani tutto il Terralbese. A Marrubiu già da anni manca un pediatra. Inoltre a Natale e Capodanno la guardia medica non era in servizio. Chiediamo che a tutti i cittadini venga garantito il diritto alla salute. Il medico di base non può mancare, si tratta di una figura di riferimento per i paesi, perché garantisce il servizio di prima assistenza. Se non ci sono i medici di famiglia si affollano le guardie mediche dei paesi vicini e aumenta il ricorso ai Pronto soccorso”.

“La carenza dei medici di base è un problema serio”, ha detto il sindaco di Terralba, Sandro Pili, “non si tratta però dell’unica criticità. Uras si trova in una situazione drammatica, ma non è un caso isolato. A Terralba il 1° marzo la dottoressa Marinella Isoni andrà in pensione e quasi 1.500 pazienti resteranno quindi senza medico di base”.

“Oggi è Uras a trovarsi in grande emergenza”, ha detto il sindaco di San Nicolò d’Arcidano, Davide Fanari, “in futuro però potrebbe capitare anche a noi. Siamo qui anche per chiedere la riapertura della guardia medica a Uras. Contiamo che venga ripristinato questo servizio, a cui si rivolgevano anche i residenti a San Nicolò d’Arcidano. Terralba ha 10mila abitanti, mentre Uras e San Nicolò insieme ne hanno poco più di 5mila. Il bacino d’utenza è quindi ben diverso. Auspichiamo che i consiglieri regionali e i deputati oristanesi portino all’attenzione dell’Assessorato regionale della Sanità e del Ministero della Salute le problematiche che stanno interessando il Terralbese. Abbiamo tante persone costrette a letto, pazienti con patologie gravi e croniche, non possiamo lasciarli senza medico”.

Stamane a Uras era presente anche il segretario provinciale della Cgil, Andrea Sanna. “Specialmente nell’Oristanese”, ha detto Sanna, “abbiamo un problema storico con la sanità e oggi la situazione non è più governabile. Chi governa ha la responsabilità di trovare una soluzione, non si possono lasciare intere comunità senza medici di base, pediatri e guardia medica”.

“In provincia”, ha evidenziato ancora il segretario della Cgil, “non c’è un ospedale che funzioni. Non possiamo sempre essere la Cenerentola di turno. Le risposte vanno date subito. Una persona anziana non può lasciare il proprio comune per una ricetta, è inaccettabile. Noi sardi spendiamo tanto per la sanità, ma il servizio non è all’altezza. Affrontiamo questa battaglia uniti, perché soltanto così potremo essere incisivi. La Cgil lotterà con questi territori e non lascerà soli i sindaci”.

La manifestazione di Uras - Foto Luca Corrias, sindaco di Marrubiu
Un momento della manifestazione - Foto di Luca Corrias
Generico febbraio 2022
I manifestanti davanti all'ambulatorio sguarnito - Foto di di Annarella Miglior
Andrea Sanna, Cgil - Foto Luca Corrias, sindaco di Marrubiu
Andrea Sanna, segretario della Cgil di Oristano - Foto di Luca Corrias
Generico febbraio 2022
L'intervento della sindaca di Uras - Foto di Luca Corrias

Lunedì, 7 febbraio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.