Il primo vero banco di prova per i commercianti cagliaritani desiderosi di rialzarsi dopo l’ultimo tragico Natale fatto di restrizioni e boom di contagi Covid supera la sufficienza ma è ben distante dal voto massimo. E in effetti era difficile, a due settimane dal “black friday” e con ancora molti cagliaritani in crisi, sperare di terminare la mattina dell’Immacolata con le casse piene. La folla non è mancata, gli scontrini battuti sono stati al di sotto delle aspettative. Col maltempo in arrivo dal pomeriggio, difficile sperare in una inversione di tendenza. Ci si deve accontentare, provare a sorridere e sperare che ci sia chi deciderà di comprare all’ultimo i regali. In tempi di pandemia, ad altro non si può ambire. Stefano Rolla, gioielliere di via Manno e numero uno del consorzio dei commercianti “Strada facendo”, abbozza un sorriso: “Voto otto, c’è molto passaggio ed è già qualcosa di consolante, in questi giorni di grande pioggia. Le nostre casse? Inizieranno a riempirsi pian piano, purtroppo per noi commercianti è sempre stato così, ci si lamenta sempre all’inizio sperando che alla fine i conti tornino”, dice. “Le mascherine obbligatorie possono creare un effetto paura tra la gente, ma vedo che tutti le indossano e, quindi, possono sentirsi sicuri. Dobbiamo reggere, i conti si fanno alla fine. Ci sono anche le casette di Natale, molto vicine, aperte. Certo”, argomenta Rolla, trovando una pecca, “esistono ancora strade di serie A e di serie B. Via Mazzini è stata dimenticata dalla Giunta Zedda e dalla Giunta Truzzu, oggi non hanno ritirato i rifiuti e non hanno mai fatto i lavori di ripavimentazione”.Da via Garibaldi arriva, invece, la voce di Franco Fozzi: “Molte mani vuote, sì, effettivamente la gente gira ancora per trovare ciò che serve. Le mascherine obbligatorie? Visti i numeri di vaccinazioni e ricoveri non penso siano un problema per qualcuno, il 99 per cento di chi passa qui la indossa”. E, sul versante degli affari, rispetto a qualche anno fa “c’è un abisso. La gente ha timore di prendersi la malattia e anche quello delle chiusure, quindi stanno attenti sia i commercianti nell’acquisto delle merci sia i cittadini nel spendere il proprio denaro. Gli sconti? Li chiedono quasi tutti”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.