C’è una svolta clamorosa nella tragedia avvenuta sabato sera a San Felice del Benaco, un paese in provincia di Brescia sulla sponda lombarda del lago di Garda. Il colpo di fucile che ha ucciso una ragazzina di appena 15 anni non sarebbe stato esploso accidentalmente dal padre, come sembrava nella serata di sabato dalle prime ricostruzioni, ma dal fratellino 13enne. La svolta che rende ancor più tragica – se mai ciò sia possibile – la vicenda, è emersa questa notte durante l’interrogatorio del padre che è stato sentito dal pubblico ministero di Brescia Carlo Milanesi. Padre e figlio stavano mostrando il fucile alla ragazzina quando il 13enne ha premuto il grilletto colpendo la sorella in pieno petto. Le quindicenne è morta sul colpo. Continua a leggere sul nostro giornale partner Q.net

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.