Svolta nell’omicidio di Soddì, la polizia dopo 12 anni trova i colpevoli
Nel mese di agosto erano state riaperte le indagini, grazie a una traccia trovata in archivio

Dopo 12 anni arriva la svolta nell’omicidio di Giuseppino Carboni, il pensionato ucciso durante una rapina nel 2008 a Soddì. La polizia sembra aver risolto il caso e individuato gli autori dell’omicidio, con conseguenti misure cautelari a loro carico.

Domani i dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in questura a Oristano.

Lo scorso mese di agosto era stata ripescata dagli archivi una traccia. La Procura della Repubblica di Oristano aveva riaperto le indagini (puntavano verso il Nuorese) e hanno portato alla chiusura del caso.

Il cadavere di Giuseppino Carboni, 80 anni, era stato scoperto il 23 giugno 2008. L’aveva trovato la sorella nella sua casa, legato mani e piedi con una corda, imbavagliato e riverso sul letto. Il medico legale aveva accertato che il pensionato era morto la notte precedente, per soffocamento: qualcuno, per non farlo gridare, gli aveva spinto in bocca una palla di carta, impedendogli di respirare. Sicuramente una rapina: da casa erano spariti i risparmi della vittima.

Martedì, 3 novembre 2020

L'articolo Svolta nell’omicidio di Soddì, la polizia dopo 12 anni trova i colpevoli sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.