Omar Piras, 41 anni di Quartu Sant’Elena a Radio CASTEDDU: “Andate piano, non correte in macchina, la vita è solo una”.Si discute  ancora riguardo il gravissimo incidente stradale avvenuto oggi lungo la sulcitana e che ha causato la morte di un ragazzo di 30 anni, Gianmarco De Agostini di Cagliari: “L’ho percorsa molte volte per andare a Pula e a Macchiareddu quando ho lavorato in quella zona, quindi è una strada che conosco. Sembra tranquilla ma non lo è:  corrono come pazzi, sorpassano in maniera azzardata. Ci sono 2 percorsi e alcune curve e non capisco come la si possa percorrere ad alta velocità.La notte inoltre è molto buia e bisogna avere molta attenzione come la mattina presto che, spesso, non si vede niente a causa della nebbia.  C’è bisogno di alcuni interventi, secondo me, da parte dei vari enti affinché mettano in sicurezza l’arteria. Innanzitutto per rallentare le folle corsi occorrerebbe un autovelox e forse anche dei dossi.  Anche tre settimane fa si è schiantato un ragazzo: dopo quasi 30 anni siamo ancora qui a parlare di questa strada”.Risentite qui l’intervista a Omar Piras di Paolo Rapeanu e Gigi Garauhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/186314369528156/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.