Forze di Difesa del Paese cambiano loro regole di abbigliamento

(ANSA-AFP) - JOHANNESBURG, 29 GEN - L'esercito del Sudafrica ha modificato le proprie regole di abbigliamento, consentendo alle donne musulmane di indossare il velo islamico come parte della loro uniforme. Lo ha detto via WhatsApp all'Afp Mafi Mgobozi, portavoce delle forze armate.

A gennaio dello scorso anno, un tribunale militare ha fatto cadere le accuse contro un'ufficiale, incriminata per aver indossato il cosiddetto 'hijab' sotto il berretto militare. La maggiore Fatima Isaacs è stata accusata nel giugno del 2018 per non aver obbedito al suo superiore che le chiedeva di rimuovere il velo quando indossava l'uniforme, ma un tribunale militare vicino a Città del Capo ha poi consentito alla donna di metterlo anche se in servizio, a patto che non coprisse le sue orecchie.

Questo pronunciamento non aveva però mutato le regole di abbigliamento militare, spingendo Isaacs a portare il caso davanti al tribunale per le pari opportunità con la motivazione di restrizioni sull'abbigliamento dettato dalla propria religione.

Le forze di difesa del Sudafrica (Sandf) hanno infine accettato di modificare questa settimana le loro regole di abbigliamento, permettendo così a tutte le donne musulmane di coprire il loro capo con il velo islamico mentre sono in servizio. (ANSA-AFP).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.