Cagliari

In Consiglio regionale il capogruppo dei Progressisti, Francesco Agus, chiede la convocazione delle commissioni Ambiente e Attività produttive

Le commissioni consiliari regionali Ambiente e Attività produttive devono riunirsi con urgenza per analizzare le conseguenze dello stop triennale della pesca dei ricci in Sardegna e verificare che i sussidi per gli operatori del settore siano erogati in tempi brevi. La richiesta arriva dal capogruppo dei Progressisti, Francesco Agus.

“Lotta all’abusivismo, misure di sostegno immediatamente efficaci per gli operatori autorizzati e regolari, coinvolgimento delle istituzioni scientifiche – come l’Università di Cagliari – per valutare gli effetti del blocco e per lo studio di interventi innovativi capaci di agire positivamente sugli ecosistemi marini interessati e sulla riproduzione della specie ittica. In caso contrario”, scrive in una nota il consigliere regionale della minoranza, “il blocco della pesca dei ricci in Sardegna rischia di non produrre gli effetti sperati e, anzi, di avere nuove conseguenze negative dal punto di vista sociale. Serve affrontare il tema in maniera organica, in modo da contemperare le diverse esigenze in campo”.

Da qui la richiesta di convocazione delle commissioni consiliari. “È chiaro a tutti”, spiega Agus, “come la misura adottata dal Consiglio regionale rappresenti una soluzione radicale, destinata a produrre conseguenze importanti. Risulta altrettanto chiaro, però, come la decisione della Giunta regionale e della maggioranza di centrodestra – adottata a pochi giorni dall’inizio della stagione di pesca, senza il coinvolgimento preventivo di tutti i soggetti interessati e senza un’adeguata istruttoria su tutte le conseguenze generate dal provvedimento – determinerà effetti critici sul fronte economico, occupazionale e sociale”.

“In questa fase occorre lavorare per garantire un minimo di certezze e di prospettive alla filiera. Da una parte”, prosegue l’esponente progressista, “a una prima analisi le risorse finanziarie stanziate dalla legge Omnibus non sembrano essere sufficienti per garantire a tutti gli operatori gli aiuti economici per il blocco delle attività. Dall’altra serve che l’erogazione dei sussidi sia rapida: anche in questo caso, come già purtroppo avvenuto per i fondi emergenziali stanziati a più riprese dal Consiglio regionale per le categorie penalizzate dall’emergenza Covid, la mancanza di regolamenti certi fa intravedere tempi lunghi incompatibili con le esigenze dei lavoratori del settore”.

“La legge recentemente approvata non interviene in modo definitivo su tutti gli aspetti capaci di incidere sul ripopolamento dei fondali”, sottolinea ancora Agus, “il successo della misura, per esempio, dipenderà dalla capacità delle istituzioni di intervenire in maniera efficace sui possibili fenomeni di pesca abusiva che vanificherebbero i sacrifici degli operatori e gli interventi finanziari regionali, causando, probabilmente, il prolungamento del blocco sulle attività di pesca con tutte le inevitabili pesanti conseguenze sull’intero settore. Facciamo in modo che lo stop alla pesca dei ricci abbia tutti gli effetti positivi che ci auguriamo per l’ambiente ma non sia il colpo di grazia per gli operatori regolari”.

Martedì, 23 novembre 2021

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392 o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.