Giulia Andreozzi, consigliere comunale di Cagliari tra le file dei Progressisti, interviene a Radio CASTEDDU in merito all’immagine del giorno che ritrae gli studenti accalcati alla fermata del bus: “Il sindaco Truzzu aveva fatto un comunicato dove annunciava che era tutto a posto e che le scuole ripartivano in sicurezza. Oggi è stata una giornata di festa perché dopo tanti mesi di chiusura è ripartita la didattica in presenza, sebbene solo al 50%, ma sono immagini che avremmo preferito non vedere, soprattutto dopo gli annunci trionfalistici di ieri. Bisogna capire cosa non è andato bene tra gli annunci è la situazione che si è presentata.

Gli studenti fanno salti mortali con gli orari di ingresso scaglionati ma poi questo non serve a congestionare il numero di persone che affollano i mezzi pubblici. Un sacrificio chiesto agli studenti in cambio di un’organizzazione più efficiente al di fuori della scuola.

Le scuole superiori cittadine sono frequentate da tantissimi studenti pendolari che arrivano e che devono interfacciarsi prima con i mezzi Arst e poi con quelli CTM e quindi devono prendere, a volte, più mezzi. Andava fatto un lavoro già da prima; si sapeva che sarebbero ripartite le scuole e invece si è fatti trovare impreparati a settembre e adesso, nonostante, in Sardegna, si sia ritardato ulteriormente di due settimane la presenza a scuola”.

La Sardegna zona arancione: di chi è la colpa? ”Sicuramente la Regione non ha fatto quello che doveva, non ha incrementato a suo tempo le terapie intensive, non ha mai comunicato bene i dati e il sistema di tracciamento fa acqua da tutte le parti: tutte cose di competenza all’organizzazione sanitaria e, quindi, alla Regione.

I trasporti sono un ulteriore profilo e chi ne fa le spese sono i ragazzi che sono a casa da marzo dell’anno scorso. Dentro le scuole si è fatto di tutto perché la frequenza possa avvenire in totale sicurezza.

Io mi auguro, dove sia possibile, arrivare al 100% con la didattica in presenza perché c’è la necessità”.

 

Risentite qui l’intervista a Giulia Andreozzi del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu

https://www.facebook.com/castedduonline/videos/2816847421898245/

e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

L'articolo Studenti ammassati alle fermate dei bus, Giulia Andreozzi a Radio CASTEDDU: “Mezzi pubblici troppo affollati” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.