Streaming illegale, la polizia oscura utenti anche in Sardegna
Maxi operazione su un milione e mezzo di abbonamenti illegali

Programma per streaming

Ha coinvolto anche la Sardegna la maxi operazione della Polizia postale contro lo streaming illegale. Schermo nero per un milione e mezzo di utenti con abbonamenti illegali e azzerato l’80% del flusso illegale delle IP tv in Italia.

Quarantacinque persone sono state indagate per associazione per delinquere finalizzata all’accesso abusivo a sistema informatico, frode informatica e riproduzione e diffusione a mezzo internet di opere dell’ingegno. Un giro di affari illegale per milioni di euro in danno di Sky, DAZN, Mediaset, Netflix e altri.

I provvedimenti sono stati eseguiti in diverse città italiane e sono stati impiegati nell’operazione più di 200 specialisti provenienti da 11 Compartimenti regionali della Polizia postale (Catania, Palermo, Reggio Calabria, Bari, Napoli, Ancona, Roma, Cagliari, Milano, Firenze, Venezia) che – operando sul territorio di 18 province – hanno smantellato la complessa infrastruttura criminale sia sotto il profilo organizzativo che tecnologico.

Venerdì, 14 maggio 2021

L'articolo Streaming illegale, la polizia oscura utenti anche in Sardegna sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.