Assemini – Strade insicure, buche e voragini pericolose per pedoni e automobilisti. Durante l’ultimo consiglio comunale che si è svolto il 14 aprile, il consigliere comunale Gigi Garau del Partito Sardo d’Azione, ha rivolto una raccomandazione alla sindaca e all’assessore ai servizi tecnologici, evidenziando il fatto che diverse arterie cittadine, presentano buche e voragini pericolose, sia per la viabilità inerente gli autoveicoli, sia per gli stessi pedoni. In particolar modo, la raccomandazione del leader sardista, si è concentrata su una “voragine” presente da ormai diversi anni in via Conte Cecconi e sulle “aperture” presenti lungo il canale tombato che porta le acque nere al depuratore di Terrasili, in via Sa Costera.Il consigliere ha dichiarato: “Ormai da otto anni, la cittadina è guidata da una giunta monocolore “grillina”, alle pronunce propagandistiche di un’amministrazione inadeguata, fa eco la realtà dei fatti, le strade colabrodo che rimarcano lo stato di abbandono della città. Via Conte Cecconi e Via Sa Costera sono solo gli esempi più eclatanti, ma basta fare un giro nel centro abitato o nell’agro, per rendersi conto della gravità della situazione”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.