Strada quasi impraticabile: appello al prefetto da Solarussa e Zerfaliu
Troppe buche, la Provincia non garantisce la sicurezza

La strada piena di buche

I recenti rattoppi sulla strada provinciale 9 non hanno prodotto alcun risultato ed allora i sindaci di Solarussa e Zerfaliu hanno chiesto l’intervento del prefetto e della Regione, sollecitando ancora una volta il commissario straordinario della Provincia Massimo Torrente.

La provinciale collega i due centri abitati a San Vero Congius ed alla Statale 388.

“La strada provinciale è attualmente in condizioni penose e presenta buche e pericolose voragini che mettono a rischio la circolazione”, scrivono Mario Tendas (sindaco di Solarussa) e Pinuccio Chelo (sindaco di Zerfaliu). “Gli automobilisti per evitare i tratti di strada al limite della impraticabilità sono costretti a pericolosi slalom che sono stati anche causa di incidenti. Questa situazione sta creando seria preoccupazione da parte delle nostre due amministrazioni e dei cittadini che sollecitano da tempo l’intervento della Provincia. Richiediamo l’intervento immediato degli uffici provinciali che avevano assicurato, attraverso il funzionario competente, la urgente manutenzione della strada provinciale. Esprimiamo il più vivo disappunto”, concludono, “e chiediamo l’immediato intervento dell’ente per la messa in sicurezza della provinciale”.

Lunedì, 18 gennaio 2021

L'articolo Strada quasi impraticabile: appello al prefetto da Solarussa e Zerfaliu sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.