Il Governo non prorogherà lo stato d’emergenza oltre il 31 marzo e dal primo di aprile non sarà più in vigore il sistema delle zone colorate e non esisteranno più aree rosse, arancioni o gialle in base al tasso di occupazione di ospedali e terapie intensive. Non solo. Le scuole resteranno sempre aperte per tutti: saranno infatti eliminate le quarantene da contatto, e con loro la distinzione tra studenti guariti e vaccinati e studenti non immunizzati tanto osteggiata dalla Lega.

Cesserà, poi, ovunque, l’obbligo delle mascherine all’aperto, e quello delle mascherine FFP2 in classe. Gradualmente si metterà fine anche all’obbligo di green pass rafforzato, quello cioè che possiede chi si è vaccinato o è guarito dal Covid. Ripartiranno fiere, sport, feste e spettacoli. L’obbligo vaccinale per i lavoratori over 50 dovrebbe restare in vigore fino a metà giugno, mentre si dovrebbe passare dal certificato rafforzato a quello base per gli eventi sportivi e culturali all’aperto. “Continueremo a monitorare con attenzione la situazione pandemica, pronti a intervenire in caso di recrudescenze, ma il nostro obiettivo è riaprire del tutto, al più presto”, anche nell’ottica di rafforzare la ripartenza e rilanciare il turismo e i consumi.

L'articolo Stop allo stato d’emergenza, ai colori e alle quarantene a scuola: per il Covid cambia tutto proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.