“Stop allo smart working per i dipendenti pubblici” La frase è effettivamente di Renato Brunetta. Ma è del giugno scorso, quando l’esponente forzista non era ministro della Pubblica amministrazione e in un momento in cui i dati sull’epidemia erano diversi da quelli attuali, coi contagi ai minimi termini in tutta Italia. La notizia è stata pubblica per errore sul sito del Corriere della Sera ed è stata poi rilanciata dalle più autorevoli testate on line, costrette poi alla marcia indietro anche dopo la smentita ufficiale del ministro.

“Leggo sul sito del Corriere della sera”, si legge nella smentita di Brunetta pubblicata sull’Huffington Post, “di una mia intervista pubblicata in data odierna, alle ore 19.13, Dal titolo ‘Basta smart working, i dipendenti pubblici tornino in ufficio’. Il contenuto pubblicato nella sedicente intervista si riferisce ad un mio intervento a Tgcom24 in data 22 giugno dello scorso anno, periodo nel quale sembrava che la pandemia fosse in via di superamento, con il ritorno auspicato alla normalità”. Così in una nota Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione, che conclude: Quindi, io non ho rilasciato alcuna intervista, a nessuno, come doveroso riserbo, in attesa del discorso programmatico del Presidente del Consiglio Mario Draghi alle camere del prossimo mercoledì al senato e giovedì alla camera, con conseguente dibattito parlamentare e voto di fiducia. Sono sconcertato e dispiaciuto. Dal momento del giuramento, io non ho rilasciato alcuna intervista, né scritto alcun articolo. Nulla”.

Brunetta si è detto sconcertato e dispiaciuto.

L'articolo “Stop allo Smart Working per i dipendenti pubblici”, ma la frase di Brunetta è del giugno scorso proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.