Stop ai tavolini all’una di notte? Il piano è vecchio e obsoleto. Speriamo che il Comune non lo mandi avanti”. Così Emanuele Frongia, presidente di Fipe Concommercio Cagliari sul piano di risanamento acustico in discussione al Comune di Cagliari che prevede un giro di vite sulla movida “Per quanto riguarda noi ancora non è stato deciso nulla”, dichiara Frongia, “sappiamo che sul tavolo dell’amministrazione c’è il piano di risanamento acustico, di cui si discute da anni. Ma quello che ci sorprende è il tempismo con cui viene riproposto. E’ molto intempestivo perché usciamo da una situazione economica negativa. Spero che il Comune non decida perché il piano è del 2017 ed è datato, non tiene conto dei cambiamenti e parla di zone diverse come Stampace, Castello e Marina ed è diverso come attività, architetture e presenze. Per noi è obsoleto, avevamo messo un tecnico come il professor Salimbeni che aveva rilevato errori di calcolo. Il Comune deve tenere conto anche della salute delle nostre aziende”.

Riascoltate qui l’intervista a Emanuele Frongia di Jacopo Norfo e Paolo Rapeanu  https://www.facebook.com/castedduonline/videos/422985948853270/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.