Natale in lotta. Non c’è pace alla scuola civica di musica di via Venezia a Cagliari. Quattro lavoratori, dopo il taglio allo stipendio, si sentono abbandonati dall’amministrazione comunale che non fa nulla per ripristinare le condizioni economiche iniziali”, attacca Luca Locci, del coordinamento Sindacato Generale di Base, “ sono pronti ad azioni estreme. Mentre i cagliaritani vengono affamati e schiavizzati l’amministrazione di Cagliari è assente. Non riconosce gli errori di valutazione salariale nell’appalto e se ne frega. A rimetterci sono le lavoratrici e lavoratori, quasi tutti over 60, che, stanchi di essere trattati come dei burattini hanno deciso di riprendere la lotta, proprio sotto il periodo natalizio.Maltrattati, abbandonati e dimenticati. Così non si può continuare a lavorare, si lavorano più ore rispetto al passato ma la busta paga è sempre più leggera. Quasi il 35% di stipendio  in meno rispetto al vecchio appalto; i lavoratori sono passati da una paga di 800/900 euro a circa 600 euro bonus irpef compreso.

Pare che alla scuola di musica sia proibito protestare, infatti, per i rappresentanti sindacali che alzano la voce, viene resa la vita lavorativa difficile infatti vengono assegnati turni di due ore al giorno oppure il sabato vengono messi di turno due ore la mattina e due la sera. Come dire, voi continuate ad alzare la voce e noi vi rendiamo la vita difficile. In tutto questo un assordante silenzio da parte di tutta l’amministrazione”.

L'articolo Stipendio tagliato del 35 %, lavoratori in lotta a Natale alla Scuola di Musica a Cagliari: “Pronti a azioni estreme” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.