Cara redazione di Castedduonline,Mi chiamo Stefano. Lavoro fuori Sardegna nei cantieri della Tav (terzo Valico, Piemonte e Liguria).Leggo spesso la vostra rivista per tenermi informato sugli avvenimenti della mia terra. Penso di parlare anche a  nome di tanti altri lavoratori sardi che, come me,  lavorano in questi cantieri e che si trovano a dover fare i pendolari, interegionali. Facciamo i turni e ogni venti giorni rientriamo a casa, nella nostra terra e dalle nostre famiglie, per godere di 4 gg di meritato riposo, per poi ripartire.Purtroppo è dal mese di Marzo che, io personalmente e tanti altri, non riusciamo a scendere a casa in virtù dell’isolamento fiduciario che ci costringe a passare 14gg isolati da tutto e tutti. Pensavo che dopo due mesi di restrizioni fosse finita e  assaporavo la gioia di poter riscendere a casa, invece con l’ultimo decreto del 02 Maggio, la regione Sardegna ha ulteriormente prorogato questa restrizione; certo non ci impediscono di scendere, potremmo farlo (chiedendo il permesso in quanto giusta causa) ma ci impedirebbero di rientrare a lavoro per tempo (qui i lavori, anche se a ritmo ridotto, si può dire che non si sono mai fermati) e non possiamo permetterci di rimanere bloccati giù 14gg e, caso mai, rischiare anche il posto di lavoro.Vorrei, quindi, sollecitare il Presidente Solinas, in quanto rappresentante della regione Sardegna, a pensare anche a noi, lavoratori pendolari interegionali, quando il 17 maggio scadrà quest’ultima ordinanza, e poter permetterci di riprendere a viaggiare e stare, quei pochi giorni che ci spettano, nella nostra terra con le nostre famiglie, perché tre mesi son tanti, troppi.SalutiUn vostro lettore

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.