Una riflessione, non solo a titolo personale sulla Strada Statale 195.

Il tratto più pericoloso della SS 195, tenuto conto dell’avanzamento dei lavori in altre zone, è quello a due corsie che porta in direzione Cagliari Capoterra. E’ un pericolo per tutti i guidatori, un pericolo ampliato dalla guida pericolosa di incauti autisti che superano le altre vetture valicando il limite della doppia corsia e di velocità.

Non so quanto si potrà e se mai anche quel tratto vedrà l’implementazione delle corsie o la separazione delle due attuali corsie.

Ci solo tanti cartelli e limiti di velocità e nulla si può imputare a chi sovraintende alla sicurezza in termini di cartellonistica verticale ed orizzontale.

Abbiamo sentito parlare, in trent’anni, di treni, di ponti che attraversano lo stagno adiacente di Santa Gilla, di tutto e di più.

Una sollecitazione prima che se ne riparli a causa dell’ennesimo grave incidente.

Ed è per questo che, credo di non scrivere a titolo personale ma per tutte le maestranze che si recano a lavoro a tutte le ore, per chi rientra nel suo domicilio, per chi la percorre per qualsivoglia ragione.

Sono sicuro che in tanti condividono questa richiesta rivolta agli Enti preposti ed alle Istituzioni.

L'articolo SS 195: pericolo per tutti i guidatori, 30 anni di promesse e attese proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.