L'uomo, 60 anni, è stato recuperato dagli operatori del Soccorso alpino

CAGLIARI. Speleologo si infortuna durante una esercitazione sulla Sella del Diavolo e viene recuperato dagli operatori del Soccorso alpino e speleologico della Sardegna che lo affidano poi al 118. Le sue condizioni non sono preoccupanti. E’ accaduto nella tarda mattinata di oggi 15 gennaio durante una esercitazione nel settore di arrampicata conosciuto come “Metrò Giapponese”, tenutasi sulle pareti rocciose della Sella del Diavolo a picco sul mare.

L’uomo, N.A., di 60 anni, cagliaritano, stava effettuando delle manovre in corda quando è precipitato per qualche metro. Sul posto si è recata immediatamente l’equipe di Soccorso Alpino-Esa, in turno nel servizio di Guardia Attiva, pronto a intervenire nell’immediato in caso di chiamata, supportato da altri sei tecnici delle stazioni di Cagliari. Dopo avere raggiunto l’infortunato sul pendio roccioso della Sella del Diavolo, lo hanno stabilizzato e trasportato con la tecnica della barella portantina fino alla strada dove lo attendeva l’ambulanza dell’associazione Lamarck Assistance Onlus per il trasporto in ospedale.(l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.