Malato di tumore, era migliorato ma temeva una ricaduta. Sarebbe questo, stando a una prima ricostruzione, la ragione che ha spinto Antonio Pisu, ragioniere in pensione di 84 anni, a imbracciare una doppietta (arma regolarmente denunciata) e a sparare alla moglie di tre anni più giovane, Giuseppina Picciau, ex maestra, malata, uccidendola. Poi, si è rivolto l’arma contro di sé e si è ucciso. I due spari sono stati sentiti dalla loro badante, che ha subito dato l’allarme. Anche alcuni vicini, impauriti, hanno chiamato il 112. E, nel giro di pihhi minuti, nell’abitazione di via Nigheli a Quartucciu, sono arrivati i carabinieri della compagnia di Quartu, algi oridni del maggiore Valerio Cadeddu. Un dramma familiare, la “miccia” che l’ha fatto scattare sembra essere stata proprio la disperazione dell’uomo. La coppia aveva tre figli che, già da tempo, non vivevano più con loro. Un dramma che ha scosso tutto il vicinato (la strada affaccia sulla lunghissima via Nazionale) e un’intera comunità, quella di Quartucciu. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.