Gruppi di violenti danneggiano banche e incendiano cassonetti

(ANSA) - MADRID, 19 FEB - Atti vandalici ai danni di uffici bancari e negozi, cassonetti in fiamme e lancio di oggetti alle forze dell'ordine: ancora disordini nella quarta notte di proteste a Barcellona e in alcune altre località della Catalogna, nel nordest della Spagna, dopo l'arresto del rapper Pablo Hasél.

Tre i dimostranti finiti in manette.

A Barcellona e Girona, le forze dell'ordine parlano di "gruppi violenti" che, in diversi punti delle due città, hanno rotto vetrine e fatto irruzione in alcune banche, lasciando dietro di sé barricate.

Media spagnoli riportano che i manifestanti di Girona si sono dispersi nelle vie del centro storico: alcuni hanno lanciato pietre e oggetti agli agenti. Il partito indipendentista CUP ha denunciato che Dani Cornellà, un suo esponente appena eletto al parlamento regionale, ha subito un'aggressione "ingiustificata" da parte della polizia.

A Barcellona, poco dopo le 19 è iniziata una manifestazione indetta da organizzazioni studentesche. Successivamente, una minoranza ha iniziato a provocare disordini. Momenti di tensione si sono registrati a Tarragona e Villafranca del Penedès.

Le proteste sono iniziate martedì dopo la detenzione di Hasél, condannato per "apologia di terrorismo" e "vilipendio della monarchia e delle istituzioni dello Stato". Gli inquirenti spiegano che tra i detenuti in questi giorni ci sono molti giovani di meno di 25 anni. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.