Cagliari, spacciava cocaina ed eroina in casa. Arrestato un insospettabile 61enne.

 Ieri gli investigatori della Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile hanno arrestato un 61enne cagliaritano per detenzione ai fini di spaccio di droga.

La meticolosa attività di indagine è stata svolta dai poliziotti della Squadra Mobile nel quartiere di San Michele, dove sempre e da tempo la Polizia di Stato compie mirate e intensificate azioni di prevenzione e contrasto alla criminalità diffusa e allo spaccio delle sostanze stupefacenti.

In particolare, l’uomo era sospettato di custodire sostanze stupefacenti destinate allo spaccio presso la sua abitazione ed è lì che gli agenti hanno iniziato l’attività con osservazioni ed appostamenti.

Al momento più opportuno, i poliziotti sono entrati nell’appartamento del 61enne, dove hanno trovato, ben nascoste in varie parti della casa, circa 70 grammi di cocaina e 26 grammi di eroina, pronta per essere suddivisa in centinaia di dosi.

La droga, immessa sul mercato avrebbe fruttato circa 3.000 euro.

L’uomo, in regime di arresti domiciliari, attenderà l’udienza di convalida prevista per questa mattina.

L'articolo Spaccio di droga a San Michele, arrestato un insospettabile 61enne cagliaritano proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.