Gli agenti del gruppo Falchi della Squadra mobile di Cagliari hanno trovato nell'abitazione mezzo chilo di marijuana e 435 euro in contanti

QUARTU. Spacciavano in casa, arrestati dalla polizia due fratelli gemelli di Quartu. Nei guai giudiziari sono finiti Giovanni ed Emanuele Sarritzu, 23enni, incappati nelle attività investigative dei poliziotti del gruppo Falchi della squadra mobile di Cagliari. L’attività di indagine condotta dagli investigatori ha accertato che i due fratelli detenessero e spacciassero sostanze stupefacenti presso la propria abitazione. In particolare, i poliziotti hanno notato che i giovani usavano far entrare i clienti tossicodipendenti che si presentavano sotto casa per acquistare lo stupefacente, fornendogli le chiavi dell’appartamento, buttandole dalla finestra, in modo che potessero loro aprire direttamente il portoncino di ingresso.

Il blitz è scattato nella tarda serata di ieri 20 aprile, quando i poliziotti, dopo aver notato entrare con lo stesso metodo l’ennesimo acquirente, hanno deciso di sorprendere i due spacciatori nel pieno della loro attività all’interno dell’appartamento. I gemelli Sarritzu hanno cercato invano di disfarsi della droga, ma gli uomini della Squadra mobile sono riusciti a bloccarli e a recuperare più di mezzo chilo di marijuana e 435 euro in contanti.

I due 23enni sono stati tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio e trattenuti presso la loro abitazione in attesa dell’udienza di convalida. (l.on)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.