Ieri a Sant’Antioco, a conclusione di un’accurata indagine, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato in stato di libertà per truffa aggravata un 25enne disoccupato di Pagani (SA), noto alle forze dell’ordine, e una 41enne di Marano di Napoli disoccupata anche lei, con precedenti denunce a carico. Questi, con artifizi e raggiri, hanno compiuto un’attività di phishing (pescaggio), avendo indotto la vittima a fornire loro informazioni personali, sottraendo poi, grazie a tali dati sensibili, ben 15.800,00 euro dal conto corrente di un 51enne impiegato di Carbonia, residente a Sant’Antioco. In sostanza è accaduto questo: la vittima aveva ricevuto un SMS dalla propria banca che gli rappresentava presunti problemi sul conto, per poter risolvere il problema il messaggio suggeriva di accedere attraverso un link su Internet Banking e accreditarsi con le proprie credenziali, come poi l’uomo ha fatto. Ad avergli inviato quel messaggio non era stata però la banca ma abili truffatori che, utilizzando quei dati, hanno poi effettuato tre bonifici su conti a loro in uso, immediatamente svuotati dopo la sottrazione. I carabinieri hanno ricostruito in maniera certosina quanto avvenuto, con l’ausilio degli operatori bancari e telefonici in relazione alle utenze interessate, gli autori della truffa sono stati individuati e avranno un processo al Palazzo di Giustizia di Cagliari.

L'articolo Sottraggono 15mila euro dal conto di un impiegato di Sant’Antioco con un falso messaggio della banca: denunciati dai carabinieri proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.