Non è più in pericolo di vita il sedicenne rimasto ferito gravemente, ieri, nel terribile schianto tra la sua motocicletta e un’automobile nella centralissima piazza Michelangelo a Cagliari. Il baby centauro, fortunatamente, indossava il casco ma, a causa del forte impatto, aveva perso conoscenza. Trasportato d’urgenza al Brotzu, è stato sottoposto dai medici a un delicato intervento chirurgico a causa di una grave lesione ad un rene. L’operazione è andata “molto bene”, fanno sapere dall’ospedale. “I medici sono abbastanza ottimisti anche se, data la delicatezza dell’intervento, la prognosi rimane riservata. Le condizioni del sedicenne restano critiche ma non si trova in pericolo di vita”. Un grosso sospiro di sollievo, quindi. Nei minuti successivi all’impatto, infatti, c’è anche chi aveva temuto il peggio. Ma, col passare delle ore, il quadro clinico del ragazzino è migliorato.

 

 

Il 16enne si trova ricoverato nel reparto di Urologia ed è tenuto sotto controllo continuo dagli infermieri e dai medici.

L'articolo Sospiro di sollievo al Brotzu, fuori pericolo il 16enne travolto da un’auto in piazza Michelangelo a Cagliari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.