Riaprire le sale giochi in Sardegna, regione divenuta da ieri “zona bianca”. E’ quanto chiede As.Tro, associazione degli operatori di gioco lecito, in un’istanza in autotutela inviata alla Regione Sardegna per chiedere, con urgenza, la modifica dell’ordinanza regionale nella parte in cui non include le attività di gioco tra quelle per cui è consentita la riapertura. L’ordinanza del 28 febbraio 2021, infatti, ha disposto la riapertura graduale delle attività commerciali. Tra queste, però, non sono state al momento incluse quelle di gioco. Sono state invece, riaperte tutte le attività di ristorazione, i bar, i pub, le caffetterie ed assimilabili mentre, per i prossimi giorni, è in programma la ripartenza delle palestre, delle scuole di danza e dei centri commerciali nelle giornate di sabato e domenica.

As.Tro lamenta “una vera e propria discriminazione nei confronti del gioco pubblico”. Secondo un comunicato dell’associazione, l’ordinanza è “priva di qualsiasi motivazione o elemento istruttorio idoneo a giustificare l’inibizione delle attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo, e del gioco mediante apparecchi installati presso esercizi commerciali”. Le attività riaperte come i ristoranti, presentano secondo l’associazione gli stessi rischi, se non superiori, alle sale gioco e scommesse, in cui si precisa che è sempre obbligatorio l’uso delle mascherine ed è previsto il rispetto della distanza interpersonale.

L'articolo Sos alla Regione: “Sardegna zona bianca, riaprite subito le sale giochi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.