I pronto soccorso attivi sono sempre due, per tutta la zona del sud Sardegna, quello del Brotzu e quello del Policlinico. Una terza opzione non c’è, e così i due ospedali pienamente operativi a due anni di distanza dall’inizio della pandemia continuano a registrare numeri elevati per quanto riguarda gli arrivi di ambulanze e pazienti. In un martedì sera di inizio febbraio, alle 22:30, sono quarantadue le persone in attesa di visita al Brotzu, così suddivisi: 14 codici gialli, ventisette verdi e uno bianco. Il personale medico è alle prese con due codici rossi e sette codici gialli, e allora non si può fare altro che attendere, tutti distanziati, seduti nelle sedie del pronto soccorso.

 

 

Non va meglio oltre la Ss 554, al Policlinico di Monserrato: ventisei pazienti in attesa, venti segnati col codice giallo. Anche in questo caso, due codici rossi e tredici gialli portano, ovviamente, infermieri e medici a dover prestare soccorso prima ai casi più gravi.Le attese? Lunghe e, ovviamente, estenuanti. C’è chi pubblica anche foto e, a contorno, testimonianze in tempo reale direttamente dalla sala d’attesa interna del Brotzu su Facebook: “Grazie all’assessore della Sanità per aver chiuso i vari pronto soccorso. Dovrebbero fare un monumento al personale”.

 

 

 

 

L'articolo Solo due pronto soccorso attivi, 70 persone in attesa tra Brotzu e Policlinico di Monserrato proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.