Situazione drammatica al Pronto soccorso: morto malato covid
Difficoltà anche nel Reparto medicina per la mancanza di posti letto

Si fa nuovamente difficile la situazione al Pronto soccorso e nel Reparto medicina dell’ospedale San Martino di Oristano. Ieri una drammatica notte con quasi 25 persone che sono arrivate al presidio d’urgenza. Tra loro due malati gravi di covid: uno dei due è morto e l’altro trasferito d’urgenza in un altro ospedale isolano. Altri due pazienti sono risultati positivi al coronavirus.

A fronteggiare l’emergenza un solo medico in servizio e i colleghi della Rianimazione, intervenuti a seguire i due malati gravi a causa del covid.

Diversi pazienti sono stati costretti a lunghe attese e in una situazione di disagio.

Influisce anche la difficoltà con mancanza di posti letto nel Reparto medicina del San Martino, dove hanno trovato ospitalità i pazienti che non possono usufruire dell’ospedale Mastino di Bosa, interessato nei giorni scorsi da un focolaio di coronavirus.

E influisce l’aumento considerevole dei contagi che rischia di mettere a durissima prova l’ospedale di Oristano, già in una situazione deficitaria per le gravi carenze di personale.

segue

L'articolo Situazione drammatica al Pronto soccorso: morto malato covid sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.