Sit-in e grande mobilitazione a Cabras per fermare il trasloco dei Giganti di Mont’e Prama
Lo ha deciso questa sera il consiglio comunale

Il Comune di Cabras prepara un sit in per fermare il trasloco di due statue dei Giganti, che la Sovrintendenza vorrebbe portare a Cagliari unitamente al modellino di nuraghe e a diversi contenitori di reperti, prevedendo un intervento di restauro.

“Si tratta di un’operazione che avrebbe un impatto devastante sulla comunità e sulle prospettive future – ha ribadito questa sera in consiglio comunale il sindaco Andrea Abis -. L’intervento di restauro è necessario per valorizzare il bene culturale ma non condividiamo la modalità che ci viene imposta. Come si fa ad accordare un intervento di questo tipo senza garanzie? Noi qui siamo figli di un grande trauma, ma anche soggetti che vivono un grande sogno. Il trauma è quello della dispersione del patrimonio, il sogno sul quale dobbiamo lavorare, è quello di recuperare tutte le statue, esponendole in un unico ambiente qui a Cabras. Da qui devono partire le iniziative, deve partire il dibattito per la gestione della questione nei prossimi giorni”.

Sono stati numerosi i consiglieri che hanno deciso di dare il loro contributo in termini di dichiarazioni e proposte.

L’assessore alla cultura Carlo Trincas si è posizionato con forza contro quella che definisce un vero e proprio furto che va a discapito degli interessi del territorio e ad esclusivo vantaggio di una visione ‘cagliaricentrica’”. Invita quindi a giocare di squadra, proponendo un sit-in pacifico ma deciso nel giardino del museo. “I giganti devono stare a casa loro, tutti assieme, come lo sono stati per tremila anni”.

Ha preso poi la parola il consigliere Gianni Meli (Sviluppo Collettivo). “Oggi la Soprintendenza comunica questa decisione dimostrando cecità culturale – ha detto Meli -. Proponiamo di coinvolgere tutti gli amministratori del territorio. Lo stesso presidente della Regione Christian Solinas è stato abbastanza chiaro e molti consiglieri regionali di qualsiasi colore politico la pensano allo stesso modo. Questo dimostra che non siamo soli. Siamo d’accordo con il sit-in proposto dall’assessore Trincas o a una catena umana lungo la via Tharros, di forte impatto mediatico”.

Il consigliere comunale Ferdinando Sechi ha ricordato la lectio magistralis tenuta a Cabras nel 2019 dalla professoressa Antonietta Boninu. “In quell’occasione i bambini fecero tante intelligenti osservazioni, frutto della loro vivacità intellettuale e della spiccata sensibilità verso il mondo antico, trasmessa loro dai docenti”, ha ricordato Sechi. “I nostri alunni già allora chiesero che tutte le statue potessero tornare a Cabras, perché solo qui troverebbero la loro giusta collocazione. Questo sia un monito per tutti noi, sia il nostro obiettivo, perché a chiederlo sono i bambini, le nuove generazioni”.

La consigliera Federica Pinna, delegata al commercio, si è fatta portavoce delle preoccupazioni della categoria: “Il settore ricettivo è quello che ha subito le maggiori conseguenze della pandemia e a un mese dall’inizio della stagione una notizia come questa accresce il timore. Le uniche certezze che restano sono quelle delle bellezze territoriali e del patrimonio culturale. Proponiamo che il restauro si effettui qui a Cabras, perché abbiamo bisogno dei nostri beni culturali. Gli operatori comunicano di essere pronti a lottare per questa vertenza, sono pronti ad ospitare nelle loro strutture tutte le persone che si dovranno occupare del restauro, purché si faccia qui e non si perda l’occasione di rilanciare la stagione turistica”.

La Consigliera Alessandra Lochi (Cabras popolare progressista) ha parlato di una battaglia ardua, che sembrava essersi conclusa nel 2017 con la sottoscrizione dell’accordo di valorizzazione firmata da Ministero, Regione e Comune. Ma ancora una volta si cerca di scardinare il binomio Cabras – Giganti di Mont’e Prama. “Nel 2018 il Consiglio Comunale si mobilitava con tutti i sindaci dell’Unione dei Comuni per chiedere la ricomposizione dell’intero complesso scultoreo, quello su cui Cabras ha scelto di investire il proprio futuro e quello delle prossime generazioni. Politica, mondo della cultura e società civile si devono unire per riaffermare la dignità e la storia di Cabras e del Sinis”.

La consigliera Laura Celletti ha fatto appello alla Convenzione europea per la Protezione del patrimonio archeologico firmata dall’Italia nel 1992 e ratificata nel 2015.

“La soprintendente – ha detto Celletti – si muove in direzione ostinata e contraria rispetto agli accordi presi nel 2017 e rispetto alla Convenzione, che impegna gli stati firmatari a promuovere il patrimonio e a conciliare l’archeologia con lo sviluppo del territorio, preservando la conservazione in situ dei reperti”.
Il consigliere Carlo Carta, dal canto suo, ha proposto che lo spazio riservato a una sala per il restauro all’interno del Museo di Cabras possa essere permanente: ”Potremo promuovere ulteriori campagne di scavo e credo che un laboratorio stabile possa essere importante per incentivare il turismo e mobilitare numerosi studiosi dall’estero”.

Ha preso poi la parola il consigliere Enrico Giordano. “Questo è il momento in cui dobbiamo accendere i riflettori”, ha dichiarato Giordano. “Non è il momento di progettare e lavorare in silenzio, dobbiamo fare in modo che questo momento complicato diventi un’opportunità per far conoscere Cabras e Mont’e Prama. Il problema non è solo il 25 febbraio. Dobbiamo lavorare prima. Propongo di iniziare con un gesto simbolico, mettendo un lenzuolo bianco alle finestre. Facciamo in modo che tutti sappiano e conoscano il nostro territorio”.

“Non sarà possibile giocare questa partita solo sulle carte burocratiche – ha detto in conclusione il sindaco Andrea Abis -. Bisogna manifestare. Facciamo in modo che le nostre pietre parlino. Inviterò tutti i sindaci del territorio oristanese, il mondo della cultura, che crede ai principi che sono stati letti, che parla di conservazione e restauro dei reperti in loco, nel luogo di ritrovamento.
Credo che potremo avere l’appoggio trasversale di tanti, insieme all’anima di Cabras: i cittadini”.

Venerdì, 5 febbraio 2021

L'articolo Sit-in e grande mobilitazione a Cabras per fermare il trasloco dei Giganti di Mont’e Prama sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.