milite

Solenne cerimonia stamattina a Sinnai dove l'amministrazione comunale ha intitolato al Milite Ignoto

la piazza realizzata tempo fa nelle vicinanze del vecchio cimitero.

Presente il Consiglio comunale, autorità militari e civili, la banda della Brigata Sassari e soldati con l'antica divisa, la manifestazione ha conosciuto momenti toccanti quando sono echeggiate le note dell'Inno di Mameli e del Piave:

la piazza è diventata "Parco del Milite ignoto" per volere del Consiglio comunale, che nei mesi scorsi allo stesso Milite ignoto aveva anche conferito la cittadinanza onorarari.

Sono intervenuti il sindaco Tarcisio Anedda che ha deposto la corona d'alloro ed ha ricordato il sacrificio dei soldati durante la prima e la seconda guerra mondiale.

Ha ricordato che a Sinnai è nato il 151esimo Reggimento della Brigata Sassari e che Sinnai divenne anche luogo di prigionia di soldati austriaci che contribuirono alla realizzazione della pineta con la piantumazione di decine di migliaia di pini.

"No alla guerra, si alla pace", ha detto il sindaco ricordando il sacrificio dei soldati italiani e sinnaesi, molti dei quali caduti nel primo e nel secondo conflitto italiano.

È intervenuta anche la presidente del Consiglio comunale Barbara Pusceddu.

Una cerimonia sobria, ricca di grandi significati.

Fonte: L'Unione Sarda

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.