pinnuccia 100
Nonna Giuseppina col sindaco Anedda, la presidente del Consiglio Pusceddu e l'assessore Moriconi (foto Serreli)

Sinnai sempre più paese di arzilli centenari. Questa volta a raggiungere il secolo di vita è stata Giuseppina Melis.

Circondata dall'affetto dei figli, di nipoti e pronipoti, ha vissuto una festa davvero particolare.

Sono andati a trovarla anche il sindaco Tarcisio Anedda, la presidente del Consiglio comunale Barbara Pusceddu,

l'assessore Alessandra Moriconi, il parroco don Alberto Pistolesi.

All'arzilla vecchietta è stata consegnata una targa a nome del Comune e della comunità:

lei ha ringraziato, ha gradito tanta attenzione, ha parlato del suo passato, vissuto nel culto del lavoro e nell'amore per la sua numerosa famiglia

(ha avuto nove figli, otto sono viventi).

Ha rivangato con lucidità fra le pieghe del passato, ricordando il marito Raffaele Moi,

commerciante di mandorle, gestore del bar, ancora aperto, di via Roccheddas e anche di una polleria,

rimasta aperta sino agli anni Ottanta e che la vecchietta ha seguito con particolare attenzione. 

Una donna forte, straordinaria che ha anche un singolare record: capostipite di una grande famiglia con cinque generazioni.

"Voglio bene a tutti". L'elisir di lunga vita? "Il lavoro, la famiglia, la fede".

Fonte: L'Unione Sarda

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.