Silvia Romano: “Convertirmi all’Islam è stata una mia libera scelta, non sono stata costretta a sposarmi”. Durante i 18, lunghissimi mesi del rapimento, Silvia Romano si è convertita all’Islam. Dopo molte voci ricorrenti, lo confermano fonti investigative, anche se che non si esclude che per la 25enne possa trattarsi di “una situazione psicologica legata al contesto in cui la ragazza ha vissuto in questi 18 mesi, non necessariamente destinata a durare nel tempo. Ci sono stati altri casi in passato”.

Era stata la stessa Romano, subito dopo la liberazione avvenuta in Somalia, a far riferimento alla sua possibile conversione, ma senza voler dare ulteriori indicazioni. “Prima ne voglio parlare con la mia famiglia”, avrebbe detto. Secondo gli investigatori però,  la  ragazza ora ha confermato: “E’ vero, mi sono convertita all’Islam. Ma è stata una mia libera scelta, non c’è stata nessuna costrizione da parte dei rapitori che mi hanno trattato sempre con umanità. Non è vero invece che sono stata costretta a sposarmi, non ho avuto costrizioni fisiche né violenze”, le sue parole riportate dal nostro giornale partner Quotidiano.net.

L'articolo Silvia Romano: “Convertirmi all’Islam è stata una mia libera scelta, non sono stata costretta a sposarmi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.