“La ripartenza produttiva di Sider Alloys è motivo di speranza per una nuova stagione industriale nel Sulcis e in Sardegna, a maggior ragione oggi che siamo innanzi alla sfida della transizione sostenibile”. Lo ha detto la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura, intervenendo alla celebrazione della Messa di Natale a Portovesme, nello stabilimento Sider Alloys che si avvia a rimettere in marcia gli impianti fermi dall’ottobre del 2012.Ricordando che “quelli seguiti allo stop di Alcoa sono stati anni duri”, la deputata dem ha evidenziato “la resilienza dei lavoratori, che non si sono mai arresi, il coraggio dell’Impresa e il lavoro congiunto di istituzioni  e organizzazioni sindacali hanno reso possibile questo esito”.“La salita però non è ancora terminata e – ha precisato Mura – occorre che il Mise ed InvItalia accompagnino Sider Alloys, fino in fondo e da protagonisti, nel rilancio del sito di Portovesme e nel rafforzamento della filiera dell’alluminio”.Successivamente, interloquendo con i rappresentanti dell’impresa, la parlamentare ha ribadito che “affinché la ripartenza avvenga senza ulteriori dilazioni il ruolo di Mise e Invitalia è determinante”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.