L’uomo che ha sbandato, sabato notte a Cagliari, nella strada arginale, all’altezza dello svincolo per Genneruxi, “era ubriaco quattro volte oltre il limite. Per questo motivo è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e la patente gli è stata ritirata”. A dirlo sono i vertici della polizia Locale del capoluogo sardo, intervenuti dopo il terribile schianto. Che avrebbe potuto avere conseguenze fatali per il guidatore, un 37enne, e per il passeggero, visto che l’auto, una Toyota Yaris, si è letteralmente infilzata nel guard rail, rotto in quel punto da anni. Alla fine sono rimasti illesi, e non c’è stato nemmeno bisogno di un referto del pronto soccorso. Le informazioni delle Forze dell’ordine arrivano in seguito alle dichiarazioni dell’assessore comunale dei Trasporti, Alessio Mereu, che si era detto sorpreso, tra l’altro, del fatto che “Michele Vacca, dell’Utp, prima di esprimere giudizi non si sia accertato della dinamica dello schianto”. E proprio Vacca, infatti, aveva sollevato il problema, puntando il dito contro quel guarda rail mai riparato e la lentezza del Comune nel mettere in sicurezza alcuni punti della città, ricordando che proprio sul tema della sicurezza stradale il sindaco Paolo Truzzu, da consigliere regionale, si era speso tanto, protocollando addirittura una mozione.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.