Al via il progetto Su sardu in Cuartu, laboratorio linguistico per la città di Quartu. Previsto anche il rilancio della biblioteca delle minoranze linguistiche situata presso l’ex convento.

E’ partito nei giorni scorsi il progetto “Su sardu in Cuartu – laboratorio linguistico per la città” grazie a un contributo gestito dalla associazione culturale Sa Bertula Antiga e finanziato con 190 mila euro in due annualità, dal Dipartimento Affari Regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Assessorato dell’Istruzione della Regione.

L’obiettivo principale dell’iniziativa è quello di rilanciare la questione della lingua sarda in città attraverso la valorizzazione della Biblioteca delle Minoranze Linguistiche, struttura unica nel suo genere in Sardegna ospitata presso l’ex Convento di Sant’Agata. Tutte le attività in programma (Sportello Linguistico, Formazione, Presentazioni di libri, Riassetto della Biblioteca, Consulenza alle Associazioni e Istituzioni Scolastiche, Convegni internazionali, Collaborazione con la scuola dei poeti improvvisatori locali) saranno orientate alla creazione di stimoli e dibattiti sulla questione linguistica con l’obiettivo di creare una sorta di laboratorio cittadino di discussione e operatività sul tema nel quale ognuno possa dare il proprio appor6to. Il modo migliore per far ripartire il dibattito sulla lingua sarda in modo proficuo e ottimale.  Nel dettaglio sarà attivo presso la biblioteca delle lingue minoritarie, Ex Convento dei Cappuccini in Quartu S. Elena, uno sportello linguistico gestito dall’Associazione Culturale Sa Bèrtula Antiga.

Il progetto si sviluppa attraverso una serie di attività, nello specifico per ciò che concerne lo sportello: attività di informazione, in modalità Front Office diretta sia alla popolazione che si interfaccia con l’ufficio linguistico che attraverso l’ausilio delle nuove tecnologie.

Attività di promozione della lingua tutelata rivolta sia alla popolazione che alle realtà produttive locali e ludiche da dedicare ai bambini e ragazzi, impiantate sulla lingua minoritaria sarda da svilupparsi nella biblioteca delle lingue minoritarie. La realizzazione di un dizionario/glossario giuridico – amministrativo – normativo. Sì alla promozione linguistica, considerate le peculiarità del territorio, attraverso gli uffici turistici dislocati lungo tutto il territorio, per far conoscere il nostro idioma alle migliaia di visitatori che frequentano questa bellissima area della Sardegna, attraverso  l’ideazione, la realizzazione e stampa di brochure culturali in lingua minoritaria sarda.

Infine attività di creazione di spazi web (posta elettronica e numero di telefono dello sportellista a disposizione), social  media web ( creazione di una pagina Facebook da dedicare al progetto) per tutte le comunicazioni che promuovano e sviluppino la presenza della lingua sarda nelle nuove tecnologie e attività di trasmissione dei servizi offerti dagli sportelli linguistici, unitamente ai contenuti digitali di qualunque titolo acquisiti, realizzati o prodotti nell’ambito delle attività di cui al presente Avviso e resi disponibili agli utenti, per l’inserimento degli stessi, attraverso la creazione di una specifica sezione, nel portale istituzionale dell’Ente beneficiario. L’Ente beneficiario dovrà garantire la completa fruizione ed erogazione dei servizi per l’intero periodo delle attività progettuali.

Spazio all’ organizzazione di eventi di promozione, conoscenza e diffusione della lingua sarda, come ad esempio: presentazioni di libri in lingua minoritaria, presentazione di libri di altre lingue minoritarie con la presenza degli stessi autori, in un’ottica di scambio reciproco di cultura e conoscenze e convegni sulle lingue minoritarie.

L'articolo Sì al rilancio della “limba” in città, al via il progetto “Su sardu in Quartu” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.