Una storia che ha dell’incredibile arriva da Sestu. È il caso di uno strano contenzioso tra la proprietaria di una casa in periferia e la sua locataria. Lo scorso mese di gennaio le aveva affittato un appartamento senza regolare contratto. La donna come unica compagnia si era portata dietro sei cagnolini di piccola taglia. Da subito ne era scaturita una discussione sul fatto che i cani in casa non potevano starci, non erano previsti dall’iniziale accordo verbale.

Dopo un lungo contenzioso finito anche nella caserma dei carabinieri, la proprietaria ha deciso ieri di recuperare l’alloggio. Con metodi non certo consoni e legali.  Aveva conservato una copia delle chiavi e approfittando dell’assenza dell’inquilina, si è introdotta nell’appartamento svuotandolo e sostituendo la serratura. Degli oggetti della donna nessuna traccia.

Non solo, come spiegano i militari,  ha pagato una donna per abitare lì obbligando la legittima inquilina a stare fuori. Ma ciò che rende la vicenda ancora più assurda e che ha chiamato i carabinieri asserendo che la donna da lei pagata era entrata abusivamente in casa. Il tutto per recuperare l’abitazione con l’intervento legittimante dei carabinieri. Che però hanno capito come fossero realmente andate le cose. Anche per stessa ammissione di quest’ultima donna beffata dalla proprietaria.

 

 

L'articolo Sestu, troppi cani in casa: cambia la serratura e sfratta l’inquilina gettando le sue cose proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.