Un’altra morte su questa strada della zona industriale dove si corre tanto e si piange un altro cittadino di Sestu: “Oggi la nostra comunità si è svegliata con questa brutta notizia, un lavoratore, padre, marito ha lasciato la vita terrena in un tragico incidente stradale in una strada che è pericolosa ma purtroppo succede molto spesso anche in altre strade. Io lo conoscevo di vista, una bravissima persona, splendida, anche a detta delle persone che lo conoscevano sicuramente meglio di me. Un padre esemplare, una perdita insomma immensa. Sia l’amministrazione che tutta la comunità si è stretta intorno alla moglie e al figlio.
È una strada di collegamento tra Sestu ed Elmas e presenta delle problematiche come tante altre strade della città metropolitana, credo sia stata una tragica fatalità poi la strada è sempre relativa. Stiamo chiedendo degli interventi nella strada, per esempio, tra Assemini e Sestu che collega poi alla Corte del Sole. È una strada abbastanza problematica. Un’altra delle strade sicuramente che ci sta creando dei problemi, perché anni che non si fa una manutenzione straordinaria definitiva, è quella del Policlinico, piena di tornanti, di curve e ci crea grossi problemi perché viene molto utilizzata dai nostri cittadini in uscita dal nostro paese”.

L'articolo Sestu piange Alessandro Brughitta, morto a 47 anni: “Ennesima vittima in una strada pericolosa” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.