Sono sessanta i chili di droga recuperati dai carabinieri della compagnia di Quartu Sant’Elena, agli ordini del tenente Pietro Lucania, insieme ai loro colleghi di Monserrato, in un’abitazione monserratina di un ventisettenne. Un sistema ingegnoso, quello utilizzato per la coltivazione della droga. L’illuminazione artificiale era garantita grazie ad un allaccio abusivo, ed erano anche presenti, nelle varie stanze, sistemi di ventilazione e di climatizzazione che ha consentito di ottenere le condizioni ideali per far crescere le ottantasei piante di cannabis. L’udienza si è celebrata a Cagliari e il pm ha disposto due arresti domiciliari (Andrea Francesco Carboni, 30enne di Selargius e Mattia Pibiri, trentunenne di Monserrato) e tre obblighi di dimora (Francesco Cogoni, nato nel 1993 a Monserrato, è sua la casa-serra, Paolo Argiolas, 46enne di Monserrato e Davide Serra, 26enne selargino).

“Il quantitativo ritrovato è sicuramente destinato allo spaccio”, spiegano dal comando di Quartu. L’udienza che ha visto la convalida dei fermi per tutti e cinque si è svolta a Cagliari e non, come inizialmente trapelato, in modalità online. Prossimo round, il primo luglio, quando si celebrerà una nuova udienza. Intanto, dalla caserma quartese fanno sapere che le indagini andranno avanti per individuare eventuali fiancheggiatori e la rete di spaccio sul territorio.

L'articolo Sessanta chili di droga nella casa-serra a Monserrato: cinque nei guai, due ai domiciliari proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.