Serramanna – Il sindaco Sergio Murgia viene sfiduciato: a seguito delle dimissioni contestuali di 9 consiglieri su 17 il Comune di Serramanna va verso il commissariamento. I consiglieri di minoranza dimissionari: “Si chiude così il capitolo del mandato elettorale di Sergio Murgia”.I consiglieri Giacomo Dettori, Michele Melis, Manuela Ortu e Carlo Pahler del Gruppo consiliare “Progetto Serramanna” hanno rassegnato le proprie dimissioni. Non aderisce alla volontà collegiale dei consiglieri di minoranza la consigliera Moralvia Montis, candidata nelle scorse regionali nel gruppo Psd’Az.“Un atto politico dovuto e richiesto dall’elettorato serramannese che rappresentiamo – si legge nel comunicato – e che oramai da tempo non condivide le scelte politiche compiute dal Sindaco Sergio Murgia e dalla sua Giunta. Tra le motivazioni che hanno portato i consiglieri a questo gesto estremo: la chiusura dell’ecocentro cittadino, la mancanza di un servizio efficiente nella gestione dell’acqua, la mancata risposta all’EGAS per la gestione dell’acqua che porterà il paese al passaggio forzato in Abbanoa, la cattiva gestione del Cisa Service che ha portato a lasciare a casa per un anno i dipendenti, nonché le condizioni di degrado delle strade cittadine, i problemi irrisolti con le società sportive e per non aver avviato le procedure di messa in sicurezza di “Ponti Nou” sono solo alcuni dei problemi che toccano più da vicino i cittadini. Problematiche sollevate in diverse occasioni, tramite comunicazioni, mozioni ed interrogazioni, al Sindaco e alla sua Giunta dai consiglieri del gruppo “Progetto Serramanna” che non hanno mai trovato risposta nelle azioni e nella programmazione politica.Una decisione che vede concordi anche i consiglieri della maggioranza Emilio Frongia, Marcello Frongia, Carlo Lai, Valter Mancosu, Anna Rita Zucca.Con questo atto pubblico stipulato presso il notaio i consiglieri hanno delegato in rappresentanza Carlo Pahler alla presentazione al protocollo delle dimissioni contestuali che porteranno, così come previsto dal Tuel Dl.lgs 267/2000 art. 141 (dimissioni ultra dimidium), allo scioglimento del consiglio comunale di Serramanna e al suo commissariamento.Con tale atto di forza i consiglieri esprimono il dissenso popolare nei confronti delle scelte politiche adottate dal Sindaco e dalla Giunta. Si chiude così il capitolo del mandato elettorale di Sergio Murgia”.Sergio Murgia, rieletto sindaco in occasione delle Elezioni Amministrative dell’ 11 giugno 2017 nella lista civica Uniti per Serramanna, durante i primi anni  ha raccolto il largo consenso da parte della popolazione che, lo ha eletto nuovamente primo cittadino. Dopo qualche tempo, però qualcosa è andato storto: malumori tra i serramannesi e accese scintille dentro e fuori l’aula consiliare hanno contribuito all’epilogo odierno. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.