Balli vietati, proprietari e gestori delle discoteche in crisi. Il Tar del Lazio respinge il ricorso e le sale da ballo restano chiuse. Ma c’è anche chi non si arrende e decide di convertire la pista in piano bar: la forza e il coraggio di chi cerca di andare avanti nonostante le nuove norme e i divieti imposti in seguito all’aumento dei contagi di coronavirus.Centinaia sono i posti di lavoro persi, migliaia gli euro investiti per sanificare costantemente i locali e adattarli alle misure anti-Covid: sono drammatici i dati di questa disastrosa stagione. Troppo presto per avere ancora una stima ufficiale che non promette nulla di buono. Ma c’è chi si rimbocca le maniche e “come un pugile che va al tappeto provo a rialzarmi e continuare a combattere” spiega l’imprenditore Simone Murgioni, titolare di una discoteca a Villasimius.“Stasera riapriamo cambiando pelle, cerchiamo di dare un segnale, insomma, per mantenere posti di lavoro; abbiamo contratti con i fornitori da rispettare. Ci dobbiamo adeguare, adattare e andare avanti”.Insomma una rimodulazione del locale e del lavoro svolto sinora per proseguire la stagione, garantendo la massima sicurezza ai giovani che sono quelli tra cui il virus si è maggiormente diffuso in queste ultime settimane.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.