Emilio Pozzolo non sarebbe dovuto essere alla guida dello scooter Honda 750. La patente, infatti, gli era stata ritirata cinque anni fa in seguito ad una condanna. Eppure, ieri pomeriggio, è lui ad aver superato un’auto in via Cadello a Cagliari e a travolgere il passeggino dentro il quale c’era Daniele Ulver, bimbo di 15 mesi, uccidendolo. Trentasei anni, padre di due bimbi piccoli, Pozzolo fa l’assistente geriatrico. È attualmente denunciato, in stato di libertà, per omicidio stradale e omissione di soccorso. Il suo legale è Riccardo Floris: “Il mio assistito ha detto di essere stato accecato dal sole, è mortificato per quanto successo. Mezz’ora dopo il fatto era già al comando di polizia Locale, l’ho portato io subito dopo averlo raggiunto. Ha due bambini, è molto provato proprio per questa ragione. È sconvolto”, prosegue il legale. Emilio Pozzolo ha deciso di affidarsi all’avvocato per mandare, a livello mediatico, un messaggio alla famiglia del piccolo: “Si è reso conto che è morto un bimbo di 15 mesi. Sa di aver sbagliato, ha ammesso di aver superato la macchina e di non essersi avveduto del passeggino”.“I fatti sono piuttosto chiari”, prosegue l’avvocato Riccardo Floris. Ora bisognerà attendere le determinazioni del pm Ginevra Grilletti e del giudice. “Si è costituito subito e non ha cercato nessuna strategia difensiva particolare, ammettendo tutto”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.