I “beni essenziali”? Il cibo, sicuramente. Ma non altri prodotti slegati da quelle necessità primarie “tipiche” dell’essere umano. Col nuovo Dpcm firmato da Mario Draghi, dal primo febbraio sarà possibile, nei supermercati, fare acquisti in tutti i reparti solo col green pass base. Chi ne è sprovvisto non potrà riempirsi il carrello a piacere: sono previsti controlli a campione, il rischio di una multa c’è tutto. Uno scenario che fa infuriare Giuliano Frau, presidente sardo dell’Adoc: “Il Governo sopravvaluta l’intelligenza del virus, forse in determinate occasioni non circola? Diciamo che non si ha il coraggio di dire che il green pass deve essere obbligatorio ovunque, anche quando si va in bagno. Se così fosse”, dice Frau, “sarei favorevole. Invece si crea solo altra confusione. Sono decisioni illogiche”.E Frau fa un paragone che ben rende l’idea: “In un supermarket, senza green pass, posso comprare cibo. E se poi mi serve anche una pentola per poterlo cucinare? Quello non è più un bene essenziale, e come mangio? Servirebbe il buon senso”, prosegue il numero uno dell’Adoc, “spero che tutti ai ricordino di queste scelte al momento del voto. Viene difficile poter commentare ulteriormente una simile imbecillità”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.