Oristano

Situazione sempre difficile all’ospedale San Martino di Oristano

Arrivata sabato al Pronto Soccorso di Oristano dopo una caduta a casa che le ha causato una frattura scomposta al braccio, una donna di 84 anni di Simaxis è stata operata solo oggi.  “Eravamo molto in ansia per lei, ci segnala un familiare, sappiamo che a quella età un’attesa così lunga per l’intervento chirurgico, rappresenta un alto rischio“. 

Il caso della donna di Simaxis non è però isolato, stamattina erano 13 i pazienti in carico al reparto ortopedia in lista d’attesa. Tra loro diversi anziani arrivati al San Martino con la frattura del femore. Per tutti si prospetta un’attesa di almeno una settimana, prima dell’intervento. 

Una situazione, questa,  che va avanti da oltre un mese. Da quando cioè la direzione sanitaria del San Martino ha disposto che, considerati i pochi anestesisti ormai rimasti nel presidio, vengano  eseguiti  i soli interventi d’urgenza. Quelli cioè destinati a pazienti in pericolo di vita. 

Per quanto assurdo, non si considera urgente il caso di una frattura scomposta o di un femore rotto e così, questi interventi, vengono eseguiti dai chirurghi ortopedici utilizzando le rare disponibilità della sala operatoria, con il rischio naturalmente di arrivare a destinazione con il paziente da operare e dover fare dietro front per l’arrivo di un’urgenza. E c’è anche chi, stanco di attendere un intervento che non viene fissato, decide di rinunciare all’operazione, chiama un ambulanza e si fa trasportare in un ospedale di Sassari o di Cagliari, dove di certo i tempi d’attesa sono ben diversi.

Da sottolineare che nel periodo estivo sono in aumento i casi di traumi. Sempre più anziani, ma anche qualche turista è costretto a rivolgersi al Pronto Soccorso di Oristano. Ma la situazione del personale, anche per la fruizione delle ferie obbligatorie, è sempre più grave. Nè sembra destinata a cambiare. 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.