Area cani chiusa a Su Planu. Residenti in rivolta. “A Su Planu l’unica area cani, stamattina era aperta e stasera è chiusa senza nessun cartello affisso che ne specifichi i motivi e i tempi dell’eventuale riapertura”, dichiara Silvia Boi, “Sentiti i vigili urbani del comune di Selargius al telefono, non sanno per quale motivo sia chiusa e neanche se l’avessero riaperta dopo il covid”.

Infuriati i residenti di Su Planu minacciano di “ricordarsi del sindaco Concu alle elezioni”. “Con queste temperature”, aggiungono, “dobbiamo tenere i cani rinchiusi in casa senza la possibilità di lasciarli liberi. In una delle aree è caduto un albero da oltre 2 mesi e l’area dove si è verificato il problema è stata chiusa visto che sono 2 e una era fruibile. Ma ora, sono entrambe chiuse e non si sa per quanto tempo”.

“Capisco i disagi e le proteste per la chiusura temporanea dell’area cani, ma purtroppo è stata una decisione inevitabile dovuta a ragioni di sicurezza dopo la caduta di un grosso pino”, risponde il sindaco Gigi Concu, “abbiamo già attivato la procedura per l’affidamento degli interventi di abbattimento e rimozione, salvo imprevisti entro la prossima settimana l’area sarà di nuovo accessibile”.

L'articolo Selargius, chiusa l’unica area cani di Su Planu: residenti in rivolta proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.